Razze: il Rottweiler

E’ un cane buonissimo, impegnativo e adorabile. Certo, è un cane che ha un aspetto “protettivo”. È un cane che non deve essere addestrato, bensì “educato”. Il rottweiler è un animale nato per servire il padrone, per proteggerlo. Conoscere la storia di questa razza significa saper trattare con chi da secoli lavora e sgobba solo per noi. Il rottweiler è un gran lavoratore, tirava carri, gestiva il gregge ed era il cane da guardia dei mattatoi. Infatti, il suo nome originale è “rottweiler metzgerhund”, ovvero ‘il cane del macellaio’. 

Un po’ di storia

Rottweiler durante un addestramento.

Ancor prima di stabilirsi con lavoratori fissi per secoli gli allevatori di bestiame che accompagnavano le mandrie, per essere vendute, si servirono di cani di grossa mole, poderosi e coraggiosi, che aiutavano i mandriani-mercanti nella guida e nella guardia delle mandrie e, una volta venduti i capi al mercato, proteggevano il ricavo (danaro) nel viaggio di ritorno lungo le strade infestate dai briganti. Tanta era la fiducia che questi mercanti riponevano nei loro cani, che usavano legare al loro collo una borsa di pelle contenente il denaro ricavato dalla vendita dei capi di bestiame, al fine di metterlo al sicuro. 

Chi può prendersene cura

Il Rottweiler è oggi un cane da guardia, difesa, compagnia e che, per le sue doti, viene impiegato in molteplici attività sportive (agility, obbedience, utilità e difesa) e non (protezione civile, polizia). Non è un cane per tutti e deve essere gestito da persona con esperienze passate con cani e/o che sappia imporsi (con delle regole), ma senza modi bruschi. A oggi, il Rottweiler è uno tra i cani più equilibrati del panorama canino.

Il rottweiler è di norma un cane posato.

Indubbiamente, e considerando tutto quello che ci siamo detti questo cane ha un aspetto aggressivo e può incutere timore negli esseri umani. Pensate che, nella scala dei cani pericolosi, è al secondo posto dopo i pitbull… Insomma, c’è qualcosa che non va. È un cane per tutti o è è il secondo cane più pericoloso in Italia? Qualcosa non torna. Le femmine di rottweiler sono la massima espressione materna, una femmina di ‘rott’ allatta anche i cuccioli che non sono suoi… Non è scontato, anzi è rarissimo nel panorama cinofilo.

Il rapporto con il padrone

Come dicevamo il rottweiler è un cane di ‘difesa’ ma quello che è importante ricordare è che il rottweiler è un cane posato, in grado di ‘rinunciare’… l’esame ai quali gli allevatori sottopongono questa razza è quello della ‘rinuncia’! Il cane difende e rinuncia alla violenza quando capisce che ha bloccato un pericolo… ci vuole testa per fare queste cose… e il ‘rottweiler’ ha discernimento.

Il rottweiler apprende molto bene l’addestramento del suo padrone.

Sono cani coraggiosi, ma soprattutto sono devoti all’uomo… non si lancerebbero mai perché l’istinto del cane non è quello. Però, se a chiedere qualcosa è l’uomo, allora si prestano…!

Please follow and like us:
error
Follow by Email
Facebook
Facebook
INSTAGRAM